vdvConosciuta come la villa delle sfere di luce o casa delle streghe, la sua fama precede il nome di questa antica dimora nobiliare.
Considerata tra le case piu’ infestate d’Italia, e’ in realta’ una meravigliosa villa in stile arabeggiante progettata a meta’ del 1800 dall’architetto Sidoli su richiesta del Conte D.V., capo della guardia nazionale e personaggio illustre, giacchè’ prese parte alle cinque giornate di Milano e all’assedio di Gaeta nel 1861.
Un po’ per incuria, un po’ superstizione, la villa non è stata mai ristrutturata dagli attuali proprietari ed oggi versa in stato d’abbandono.

Al piano terra si trovano l’ex lavanderia, le stanze degli ospiti e una cucina con un portavivande che mandava il cibo direttamente alla sala da pranzo e alle camere, così da non disturbare i sontuosi pranzi che il Conte organizzava frequentemente.
Al primo piano ci sono le vecchie camere padronali, una sala da musica con un pianoforte, di cui sono presenti solo alcuni resti, ed una sala da pranzo con un camino gigantesco in stucco decorato ad effetto marmoreo.
E’ qui che si possono catturare il numero più elevato di “orbs”, o sfere di luce.
Come si nota dalle foto, gli interni sono pesantemente vandalizzati.
Di sopra vi erano gli alloggi della servitu’. Il progetto iniziale prevedeva un osservatorio astronomico al terzo piano ma non venne mai realizzato.

Entrare nella villa e’ stato molto facile, gli interni putroppo sono pesantemente vandalizzati e le numerose infiltrazioni dal tetto hanno reso inagibile il secondo piano.
Nonostante tutto, questa dimora rimane meravigliosa ed ogni stanza presenta uno stile decorativo diverso: l’ingresso e’ in stile arabo con decorazioni e fregi sulle porte e un intonaco ad effetto damascato; la sala da pranzo e’ decorata con stucchi raffiguranti viti, grappoli e strani fauni dalle smorfie grottesche .
Poco distante dalla villa troviamo la casa del custode, che ricorda molto una baita, anch’ essa ormai crollata.
Degli interni, a malapena una stanza è visitabile.

Il video dell’esplorazione:
http://youtu.be/YdemzyHA9QQ

Rating: 2.0/5. Dal voto1.
Attendere....
Alberto Grima
Alberto Grima
Classe 1980, fotografo semiprofessionista, dall'animo giocoso e irriverente. Esploratore da sempre, dal 2009 ha iniziato a documentare i luoghi abbandonati anche al di fuori dalla sua regione.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.