PIEMONTE urbexREGGE e CASTELLI abbandonati

La principessa del Galles e il trionfo dei marmi

Da Novembre 28, 2014 Maggio 11th, 2020 Un Commento

Se trovi qualcuno d’amare nella tua vita, allora aggrappati a quell’amore.” Lady Diana

Una visita autunnale in un palazzo abbandonato di grande fascino e incredibile bellezza, ricco di storia e dettagli preziosi.
Uno dei luoghi Italiani più belli visti quest’anno.
Questo sfarzoso palazzo fu fatto costruire da un parlamentare, nonché uno dei Conti più ricchi d’Italia.
Ospite del Conte vi soggiornò anche il Re. Dopo la guerra, la dimora passò ad un paio di famiglie che ne fecero la loro residenza e, nel parco, vennero costruiti una grande piscina ed un campo da tennis.
Quando la fortuna dell’ultima famiglia svanì e si trasformò in soli debiti, l’edifico venne messo in vendita e, alla fine degli anni ’90, una casa d’aste vendette i preziosissimi arredi.

Sempre negli anni ’90, la Principessa del Galles, conosciuta meglio come Lady Diana, durante un viaggio in Italia s’interessò all’acquisto del nobile palazzo, rimasta folgorata dalla sua bellezza, ma le trattative andarono in fumo siccome restò vittima di uno degli incidenti stradali più famosi al mondo.
Poi, attorno al 2000, cominciò l’abbandono e i furti.
In breve tempo, la nobile costruzione diventò il fantasma di se stessa.
Ecco perché l’edificio è conosciuto da tanti come il “palazzo decadente di Lady Diana”.
Nonostante la fama, anche se una agenzia immobiliare ha recentemente messo in vendita il complesso, nessuno pare essere interessato all’acquisto.

La maestosa dimora è d’impianto Ottocentesco e contornata da uno splendido parco dalle piante ricercate e secolari.   Quasi 4000 metri quadrati, caratterizzati da eleganti stanze e imponenti saloni che, grazie ad un gioco di porte, divergono in un unico ambiente.
Il pian terreno, di oltre 1000 metri quadrati, ha un ingresso maestoso in stile eclettico, con colonne e pregiati marmi, oltre ad essere affiancato da due piccole verande simmetriche sui lati.

Da tre preziose porte scolpite si accede al salone di rappresentanza, accessibile da altre tre porte che conducono in un passaggio illuminato, dai grandi lucernari. Collegato a questo passaggio ci sono ancora tre varchi che conducono alla sala da ballo, stuccata e decorata con diverse tonalità di azzurro.
A destra e a sinistra del salone di rappresentanza, con perfette simmetrie e altri giochi di porte, troviamo il salotto con un camino e una grande sala da pranzo che sta cadendo a pezzi, a causa delle copiose infiltrazioni d’acqua. Seguendo il passaggio con il lucernario si sfocia in un atrio a scacchi. E una passatoia rossa ci accompagna su di una trionfale scala in marmo bianco di Carrara, che raggiunge le camere da letto ai piani superiori.

Pare che l‘infausto destino, che ha segnato la vita della principessa più amata della storia recente, non sia stato più generoso con l’edificio di cui si era innamorata poco prima di lasciarci.

Se ti ha interessato il palazzo decadente legato a Lady Diana, guarda altre ville e castelli abbandonati, proprio qui.

Se invece vuoi esplorare il lato nascosto del Piemonte, fai click qui.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nostre attività, segui la nostra pagina facebook.

Rating: 5.0/5. Dai voti7.
Attendere....
Jonathan Della Giacoma
Jonathan Della Giacoma
Classe '87 e svizzero, Jonathan è uno tra i più famosi autori nel campo "Urbex" e tra i più attivi nel progetto Ascosi Lasciti.
Attratto dalla storia, dalla bellezza estetica, dall'architettura, ha visitato edifici abbandonati in tutta europa.

Entra nella discussione Un commento

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.