Il Silenzio Militare d’Ordinanza

Da Gennaio 24, 2016 Aprile 25th, 2018 LUOGHI INFESTATI, OSPEDALI e MANICOMI, SARDEGNA urbex

barbiereOre 10 del mattino: si parte.
Ci accompagna una fredda giornata invernale con un cielo grigio come l’asfalto. Via verso il centro Sardegna per visitare  l’ospedale militare abbandonato.
L’entrata risulta particolarmente semplice, il borgo dov’ è  situata la struttura è pressoché disabitato in questo periodo dell’anno.
La location si presenta ai nostri occhi, consumata dalla natura circostante, saccheggiata e  vandalizzata nel corso degli anni.
La colonna sonora che ci accompagna è data dal soffio del vento e dallo scricchiolio di vetri rotti, e come dimenticare quell’odore di muffa e di abbandono nell’aria, che rende il posto ancora più lugubre e spettrale.

La struttura è suddivisa in tre livelli, il primo piano dove troviamo le cucine, sala ricreativa e la sala cinematografica, vari uffici, l’officina per la manutenzione e una piccola cappella, dove i pazienti potevano trovare conforto spirituale. Secondo e terzo piano erano riservati agli alloggi degli indigenti e del personale, oltre agli uffici di chi teneva il comando.
Nell’ampio giardino troviamo una officina meccanica, con tanto di ambulanza abbandonata, divorata dalla ruggine e dal trascorrere del tempo. Adiacente ad essa c’è la lavanderia dai macchinari logori, incorniciati da muffa e polvere.

Dopo averlo visitato da cima a fondo ed aver perso la cognizione del tempo, lasciamo questo luogo con rabbia e rammarico per le condizioni in cui si trova

Rating: 5.0/5. Dai voti2.
Attendere....
Marco Moro
Marco Moro
Ciao sono Marco e faccio storicamente parte della "Cinghial_crew", originari della Sardegna, con cui condivido la passione per l’avventura, la fotografia e i paesaggi urbani abbandonati.
Claudio e Tanoz sono i miei compagni di esplorazione, ma giro anche nel Lazio, con Matteo e Valerio.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.