Skip to main content

Capita che, a furia di cercare posti abbandonati, si venga a conoscenza di luoghi talmente magici che poi non si possa fare a meno di cercare e visitare come la fabbrica abbandonata di cui vi parlerò.
Capita anche che, a volte, questi luoghi non siano propriamente abbandonati ma, diciamo, “custoditi” da qualcuno che li ha trasformati nella propria casa.
Questo è il caso di Zak e il suo castello.
In realtà non visiteremo un vero castello, ma una grossa fabbrica abbandonata, sperduto nella periferia Milanese, stretto tra svincoli autostradali, centri commerciali e strade battute da puttane e traffico incessante.
Proprio in mezzo a questo deserto di bellezza nasce questa ginestra che è, per l’appunto, il castello.

Tengo a sottolineare che questo luogo è la casa di una persona: lo zio Zak e pertanto non funziona come i normali posti abbandonati da scoprire e visitare in libertà. Qui, proprio come quando si va a trovare un amico o un parente, si chiama, si chiede il permesso al padrone di casa e soltanto dopo si può entrare nel castello.
Non è semplicissimo, ma una volta dentro sembra quasi di vivere una favola.
Di quello che era il “fabbricone” rimane solo la struttura esterna: mura e scale. Ma la magia di questo posto è come lo zio Zak lo ha trasformato.
Non è la casa di un barbone, ma la casa di un artista che si è circondato di altri artisti.
Tutti i luoghi dove Zak vive sono infatti completamente coperti da graffiti estremamente belli e curati, da statue fatte con materiali di recupero o vecchi mobili che, grazie alle mani sapienti dello zio, hanno acquistato nuova vita e nuova bellezza.

Il castello non è un eremo solitario, ma una sorta di punto di attrazione per quanti amano la street-art e la cultura underground.
Zak non è uno scorbutico vecchietto, ma un uomo dal passato difficile e travagliato che accetta ben volentieri la compagnia di quanti vogliono avventurarsi nel castello e magari renderlo ancora più bello con altri lavori artistici. Zak è una persona con cui parlare, un equilibrista sempre in bilico tra filosofia e poesia (all’epoca in cui lo conobbi stava per pubblicare un libro).   Ama parlare, ama la pittura, la musica e la letteratura. Ha lavorato duro per rendere un vecchio scheletro di edificio, il castello che è divenuto ora.
Questo è certamente un luogo da scoprire, ma per i tesori in esso contenuti e per il valore del suo custode.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti e supportaci sul nostro gruppo. Qui potrai trovare foto esclusive e materiale inedito.

Se questa fabbrica abbandonata ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una ricca lista di industrie e strutture produttive dimenticate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati della Lombardia?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

(Visited 184 times, 4 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti3.
Attendere....

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.