Il Custode del Castello

Capita che, a furia di cercare posti abbandonati, si venga a conoscenza di luoghi talmente magici che poi non si possa fare a meno di cercare e visitare.
Capita anche che, a volte, questi luoghi non siano propriamente abbandonati ma, diciamo, “custoditi” da qualcuno che li ha trasformati nella propria casa.
Questo è il caso di Zak e il suo castello.
In realtà non visiteremo un vero castello, ma un grosso fabbricone, sperduto nella periferia Milanese, stretto tra svincoli autostradali, centri commerciali e strade battute da puttane e traffico incessante.
Proprio in mezzo a questo deserto di bellezza nasce questa ginestra che è, per l’appunto, il castello.

 Tengo a sottolineare che questo luogo è la casa di una persona: lo zio Zak e pertanto non funziona come i normali posti abbandonati da scoprire e visitare in libertà. Qui, proprio come quando si va a trovare un amico o un parente, si chiama, si chiede il permesso al padrone di casa e soltanto dopo si può entrare nel castello.
Non è semplicissimo, ma una volta dentro sembra quasi di vivere una favola.
Di quello che era il “fabbricone” rimane solo la struttura esterna: mura e scale. Ma la magia di questo posto è come lo zio Zak lo ha trasformato.
Non è la casa di un barbone, ma la casa di un artista che si è circondato di altri artisti.
Tutti i luoghi dove Zak vive sono infatti completamente coperti da graffiti estremamente belli e curati, da statue fatte con materiali di recupero o vecchi mobili che, grazie alle mani sapienti dello zio, hanno acquistato nuova vita e nuova bellezza.

Il castello non è un eremo solitario, ma una sorta di punto di attrazione per quanti amano la street-art e la cultura underground.
Zak non è uno scorbutico vecchietto, ma un uomo dal passato difficile e travagliato che accetta ben volentieri la compagnia di quanti vogliono avventurarsi nel castello e magari renderlo ancora più bello con altri lavori artistici. Zak è una persona con cui parlare, un equilibrista sempre in bilico tra filosofia e poesia (all’epoca in cui lo conobbi stava per pubblicare un libro).   Ama parlare, ama la pittura, la musica e la letteratura. Ha lavorato duro per rendere un vecchio scheletro di edificio, il castello che è divenuto ora.
Questo è certamente un luogo da scoprire, ma per i tesori in esso contenuti e per il valore del suo custode.

Per altre foto del castello e delle opere di Zak, visita questa pagina.

Ancora da votare.
Attendere....
Emanuele Bai
Emanuele Bai
Classe '80. Tipo eclettico e poliedrico, si interessa di cultura generale. Appassionato dal 2003 di fotografia e dal 2006 di urbex, partecipa attualmente a molti progetti inerenti l'esplorazione urbana, scrivendo inoltre per "UrbanPost" e partecipando alle mostre del gruppo "Manicomio Fotografico". Fra i primi autori di Ascosi Lasciti, da anni, sfrutta la fotografia per viaggiare attraverso l'Europa e la scrittura per viaggiare dentro di sé.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.