PORTOGALLO urbexVILLE e PALAZZINE abbandonate

Il Palazzo perduto, dove il lusso e l’oro incontrano l’abbandono

Da Luglio 14, 2016 Dicembre 9th, 2017 Nessun commento

Portogallo.
Questo edificio abbandonato, il palazzo perduto, fu costruito agli inizi del diciassettesimo secolo, anche se rimane ben poco, nelle sue stanze, a testimoniare quell’epoca.
Si estende per circa 800 mq sviluppandosi su tre piani e si compone di due cappelle e di un ampio giardino che lo circonda.
L’ultimo impiego del palazzo perduto è stato da albergo, anche se lo stile degli arredamenti parrebbe antico quanto il palazzo.

L’accesso al sito abbandonato è estremamente facile.  E’ bastato camminare lungo un sentiero e saltare un  piccolo muretto, dopodiché abbiamo trovato diverse porte aperte.
La prima stanza in cui ci siamo imbattuti è stata la grande cucina.
Poi abbiamo continuato per uno stretto corridoio con diverse camere e salotti ai lati.

Il posto è stato visitato dai ladri ma si conserva ancora in buone condizioni, anche se molte camere sono state completamente svuotate del mobilio.
Ci addentriamo in quella che doveva essere l’ultima abitazione dei proprietari.
Con grande sorpresa scopriamo antichi mobili decorati in oro.
In una stanza abbiamo addirittura trovato una sauna moderna. Ma continuiamo a vedere le camere che avevamo lasciato.

Al piano superiore ci imbattiamo in questa curiosa sala da pranzo, di sicuro risalente a quando il palazzo era usato come albergo. E infine un’altra sala da pranzo e una delle cappelle (l’altra è stata chiusa). Apparentemente sconosciuti sono i motivi del suo abbandono.

Rating: 5.0/5. Dal voto1.
Attendere....
Alberto Galvache
Alberto Galvache
Nato a Salamanca, da sempre interessato all'esplorazione urbana. A soli 10 anni entrò nella sua prima villa abbandonata, e ne rimase affascinato. Ad oggi porta avanti studi attoriali e cura un blog sull'urbex in Portogallo e Spagna assieme al fratello David.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.