BELGIO urbexPALAZZI, VILLE e CASTELLI abbandonati

Rivelare l’Arte e Nascondere l’Artista

Da Settembre 11, 2016 Maggio 3rd, 2018 Nessun commento

“L’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni.” (Pablo Picasso)
urbex belgium - castelli abbandonati -rivelare l'arte e nascondere l'artista - belgio - jonnyL’auto, anch’essa abbandonata, è ancora parcheggiata nel giardino di fronte all’edificio fatiscente, creando un’atmosfera davvero inquietante…
Questo piccolo castello, ben nascosto ed isolato nella foresta, si affaccia su di un fiume; fu il rifugio di un personaggio molto particolare, un pittore – scultore, amante di antiquariato e oggetti vintage.
E’ un po’ che desidero visitare questo luogo.  So che si tratta di un posto speciale…
Lo raggiungo con la mia macchina. Parcheggio. Proseguo a piedi. Mi addentro in quel parco ai bordi della foresta, quasi magico, accanto alla cascata e vicino al fiume. L’edificio, esternamente, non è nulla di particolarmente speciale.    Entro dalla finestra aperta della cantina.
Salgo lentamente le scale che conducono al pian terreno e mi ritrovo nell’atrio della dimora.  Mi sento in un altro mondo, travolto dall’atmosfera di questo luogo fantastico.

Le vecchie foto incorniciate mi guardano tristi appese al muro.  Quadri pregiati sotto uno strato di polvere mi scuotono l’anima.   Poi scorgo una cucina stracolma di oggetti, pentole, tegami e bellissime porcellane. E ancora, un salotto di biblioteche stracolme di antichi manuali, quadri ammassati e animali impagliati che sembrano fissarmi da sopra i mobili.   Orologi fermi, sculture e un pianoforte silenzioso in un angolo. Preziose porcellane stipate negli armadi, e ricordi nei cassetti del salone, col camino ricoperto di tappeti persiani.
Continuo il mio giro silenziosamente. Nello studio trovo una scrivania colma di documenti, calamai, penne e svariati suppellettili, quadri sui cavalletti, souvenir di viaggi lontani e una collezione di radio affiancate da altri oggetti di gusto “vintage”.
Ai piani superiori, ancora bellissime stanze, arredate con stili diversi e con mobili antichi, colme di oggetti e quadri. Uno spettacolo!
Un luogo che rivela l’arte e nasconde l’artista e la sua storia. Un posto inusuale, che rappresenta molto bene i gusti eccentrici di questo personaggio scomparso nel nulla.

Rimango per ore a fotografare gli infiniti dettagli e a cercare la storia di questa dimora… che mai troverò.

Rating: 5.0/5. Dai voti2.
Attendere....
Jonathan Della Giacoma
Jonathan Della Giacoma
Classe '87 e svizzero, Jonathan è uno tra i più famosi autori nel campo "Urbex" e tra i più attivi nel progetto Ascosi Lasciti.
Attratto dalla storia, dalla bellezza estetica, dall'architettura, ha visitato edifici abbandonati in tutta europa.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.