Skip to main content

Era un caldo pomeriggio estivo quando qualcuno se n’è uscito con la frase: dai che ti porto a vedere la “casa dei froci figli di puttana”.
La mia espressione è stata a metà strada tra incredulità e sdegno. Mi sono chiesto : “ma che roba è?”
La risposta è molto semplice : trattasi di una villa abbandonata su due piani, monofamiliare, al cui androne di ingresso è incisa la scritta:

BENVENUTI NELLA CASA DEI FROGI FIGLI DI PUTTANA.

A fianco, disegnati, due stickman con una freccia recante la loro sessualità di natura “anticattolica”.
Se siete: ipocriti, bigotti, ottusi o agenti immobiliari siete pregati di chiudere un occhio.
Ed anche se, ovviamente, la cosa urta la vostra sensibilità o il vostro perbenismo, qui oggi parleremo di qualcosa di politicamente scorretto, signori!
Non è vero, non esageriamo.   In fondo è solo un’esplorazione, sennonché queste scritte e i racconti del luogo celino qualcosa di surreale.

La storia di questo posto è una di quelle “alla Stephen King”.
Non ho potuto trovare fonti per ricercare la cronologia storica di questo immobile ma, sentendo “qua e là”, un po’ da uno studente, un po’ da un dipendente del comune, un po’ da un pensionato che abita lì vicino, ho cercato di unire i pezzi del puzzle.

La famiglia che abitava la casa non era natia del borgo storico, dove essa è situata, ma veniva da fuori regione.  E, non so se per volere o sfortuna, col tempo le condizioni economiche, sociali e psichiche andavano sempre peggio, fino al loro trasloco in un alloggio popolare.

I membri della famiglia non abbandonarono la casa del tutto.  Infatti, non si sa per quale ragione, uno o più componenti di questo nucleo creò al secondo piano della struttura una specie di gabbia per cani, con una rete di un materasso.
Questa è una storia che risale almeno a 20 anni fa’. Nel corso del tempo, poi, questo lascito è stato preda di atti vandalici e di sbandati che vi si recavano a divertirsi, come testimoniano le scritte.

Un vero peccato perché dall’esterno il luogo sembra avere un certo valore storico, ma purtroppo sappiamo tutti come vanno le cose in Italia.  In conclusione: un posto strano, inquietante e assurdo. Non lascia indifferenti.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti e supportaci sul nostro gruppo. Qui potrai trovare foto esclusive e materiale inedito.

Se questa villa abbandonata ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una ricca lista di palazzi e ville abbandonate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati nelle Marche?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

(Visited 109 times, 1 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti2.
Attendere....

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.