Scappare dai Cinepanettoni : puoi Solo in questi 5 Cinema

Come ogni fine anno, gli amanti del cinema stracciano la tessera annuale con qualche settimana di anticipo, indossano un paio di comode pantofole in feltro, si avvolgono nel plaid adagiandosi sul divano e cliccano tre volte il tasto play dello schermo, chiudendo le dieci pagine pubblicitarie che gli si aprono sul sito streaming di turno.
Eh si, perché cosa ammazza il cinema più della pirateria?
Ma certamente loro : i famigerati, temutissimi Cinepanettoni.

Lo so, è facile scagliarsi su quest’ultimi tanto quanto Gigi D’Alessio per la scena musicale o Barbara D’Urso nel panorama televisivo. Alla fine, tutti li odiano ma tutti li seguono.
Ecco che i veri emarginati diventano gli amanti del cinema d’autore, della musica ricercata e del giornalismo d’inchiesta.
Nel periodo natalizio, i programmi TV si riempiono di Talk Show pomeridiani, le Radio di Musica ultra-leggera, i cinema di film “commercialissimi”.

Dunque come scappare dai Cinepanettoni? Oltra alla pay-tv, puoi rifugiarti nei pochi cinematografi che scelgono di non proiettarli.
Lo so bene io, amante del buon cinema, e tutti i ragazzi di Ascosi Lasciti, capitanati dal regista di alcuni premiati film documentari.
Allora quali sale vi possiamo consigliare per scappare dai Cinepanettoni?
Eccone 5 personalissimi esempi:

5) Cinema di guerra del periodo fascista

TOSCANA. In un piccolo paesino tra le montagne, nascosto da sguardi indiscreti, giace la carcassa di questo piccolo cinema abbandonato.
Di epoca fascista e databile agli anni ’30, presenta ancora vecchie locandine e proiettori. Sparse qua e là si trovano alcune sedie a rotelle e lettini da ospedale, come se fosse stato un cinema di guerra. Insomma, nessuna traccia di Cinepanettoni.
Guarda: https://ascosilasciti.com/it/2017/10/19/cinema/

4) Teatro personale della Reggia Nobiliare

PIEMONTE. Il teatro ospitato da questa Reggia abbandonata, divenuto poi cinema nella seconda metà del ‘900, non proietta più da almeno mezzo secolo. Altro luogo “franco” dai film di Natale.
Guarda:  https://ascosilasciti.com/it/2017/12/12/villa-moglia-gioiello-seicentesco-abbandonato-anche-dai-fotografi/

3) Cinema “gemelli” di paese dell’Alta Toscana

TOSCANA. In due posti molto vicini, nelle terre dell’alta Toscana, sono custoditi questi preziosissimi cinema abbandonati. Perchè preziosi? Perchè ospitano interessanti eventi culturali di paese…e perché non proiettano più i Cinepanettoni da moltissimi anni.
Guarda : https://ascosilasciti.com/it/2017/02/07/il-burattino-di-stracci/

2) Cinema “estivo” abbandonato

MARCHE. Come per tanti altri, questo cinema, provvisto di sala interna ed esterna, è stato ammazzato dai colossi multi-sala. Chissà quante coppiette si saranno date qui il loro primo bacio? Sicuramente non durante la proiezione dei Cinepanettoni, essendo “anti-afrodisiaci”, più sicuri degli anti-concezionali.
Guarda : https://ascosilasciti.com/it/2014/07/26/lottava_arte/

1) Centro commerciale abbandonato con Multisala

EMILIA. Abbandonato da non molti anni, questo intero centro commerciale ospita un Multisala pieno di dettagli affascinanti per gli amanti del buon cinema. Da costosissime attrezzature lasciate alla mercé dei vandali, a valide pellicole…non inerenti ai Film Italiani di Natale.
Guarda : https://ascosilasciti.com/it/2014/11/07/nella-citta-delle_stelle/

Ci siamo svestiti dei nostri soliti panni da fotografi, romanzieri e reporter degli edifici abbandonati italiani e mondiali, per deliziarvi con sarcasmo, con questa personale classifica.
Se siete appassionati di cinema, di luoghi abbandonati o entrambe le categorie, sfogliate il nostro sito, ricco di materiale e contenuti inerenti (come questa lista di tutti i cinema e teatri abbandonati che abbiamo esplorato in giro per l’Europa).
Continuate a seguirci qui e sulla nostra Pagina Facebook.

Rating: 5.0/5. Dai voti4.
Attendere....
Davide Calloni
Davide Calloni
Amministratore del progetto, del sito-blog e della rete social, accanto al fondatore admin Alessandro. Laureato all'università di Genova, fotografo amatoriale, scrittore per passione e informatico per necessità.

Lascia un Commento