“La moda passa, lo stile resta.” Coco Chanel

Non fu semplice entrare in questa piccola casa abbandonata di campagna.
Il mio prima tentativo fallì. Il vicino, dall’altra parte della strada, si rivelò particolarmente curioso…tanto curioso che la prima volta rinunciai a farmi notare da lui.
Riprovai il giorno seguente parcheggiando lontano e cercando di entrare nel giardino folto di quest’abitazione senza farmi vedere.
Sul retro la finestra della cucina era aperta. Entrai.

Varcai la soglia. Mi ritrovai in stanze colme di scatoloni e cose ammassate, fra ragnatele e un sudiciume da far accapponare la pelle.
Poi, finalmente la sorpresa: scavalcando mucchi di cianfrusaglie e sacchi dell’immondizia colmi di ciarpame, mi si parò davanti una piccola sala da pranzo, di una bellezza incredibile, con i suoi mobili “d’altri tempi”, la carta da parati che si scollava e i ritratti sbiaditi in Bianco e Nero.
Le credenze stipate di cimeli e porcellane decorate, le foto di famiglia e un lampadario avvolto da un’infinità di ragnatele. La casa sembra essere vuota da molto tempo…
Salgo a fatica al piano superiore ma la scale e le stanze sono colme di scatoloni che, disposte in alte pile, arrivano fino al soffitto…poi una stanza disordinata ma sgombera si rivela la seconda sorpresa di questa piccola casa.
Il letto a fiori, l’armadio zeppo di abiti, il comò con lo specchio ovale, le foto di famiglia, i cappelli affascianti, i santini sul comodino e poi una bella macchina da cucire Goricke, sotto la finestra, che mi ricordò la mia dolce nonnina.
Mia nonna faceva la sarta.

Rating: 4.3/5. Dai voti6.
Attendere....
Jonathan Della Giacoma
Jonathan Della Giacoma
Classe '87 e svizzero, Jonathan è uno tra i più famosi autori nel campo "Urbex" e tra i più attivi nel progetto Ascosi Lasciti.
Attratto dalla storia, dalla bellezza estetica, dall'architettura, ha visitato edifici abbandonati in tutta europa.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.