E’ tempo di esplorazioni urbane. In una temperata giornata d’inizio autunno, con alcuni amici, partiamo alla volta del Piemonte e, tra gli obbiettivi prefissati, c’è lei: una chiesa privata abbandonata risalente alla seconda metà del 1800, edificata su una chiesa pre-esistente.
La “nuova versione” dell’edificio sacro venne fatta costruire da un Marchese piemontese che, per un lungo periodo, fu anche sindaco e senatore del regno. All’interno della struttura sono site diverse effigi che ci hanno aiutato a risalirne alla storia. Proprio da una di queste abbiamo scoperto che il marchese avrebbe avuto importanti contatti con lo Stato del Vaticano e che, sotto speciale richiesta diretta al Santo Padre, qui vi furono sepolti i membri dell’importante casata proprietaria.

La chiesa è costituita da una sola navata. Le sue pareti sono riccamente decorate e costruite con materiali di pregio.
I lasciti sono moltissimi. La cosa più stupefacente che rinveniamo è sita nella stanza della sagrestia. Gli armadi sono ancora pieni di oggetti e abiti per svolgere le funzioni sacre. E non solo. Troviamo anche l’organo e diverse statue ornamentali.

Essendo “ferocemente” appassionato di chiese in stato di abbandono, non potevo esimermi dall’esplorazione di una “chicca” come questa. Nonostante gli sforzi, tuttavia, non sono riuscito a risalire ai motivi dell’abbandono.

Christian Goffi

Rating: 5.0/5. Dai voti2.
Attendere....
Dusty Secrets
Dusty Secrets
Il progetto nasce esplorando minuziosamente le regioni del Piemonte e della Lombardia e affiancando "Ascosi Lasciti" negli spostamenti sul territorio italiano, ma i membri del team "Dusty Secrets" si spostano in tutta Europa raccogliendo l'interesse di chi svolge questa attività da molto tempo, tali sono le loro capacità individuali, la forza di gruppo e le abilità investigative. Mauro Amoroso alle foto, Christian Goffi ai testi e la collaborazione di Leonardo Fazio per le esplorazioni.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.