BORGHI, CONTRADE e VILLAGGI FANTASMAFRIULI VENEZIA GIULIA urbex

Dentro a Riulade : Borgo Montano cancellato dal sisma

Da Ottobre 8, 2019 Ottobre 12th, 2019 Nessun commento

Riulade, paese fantasma. Di origine cinquecentesca, si divide in due più piccole porzioni: Riulade di sopra e di sotto.
Entrambe le frazioni, vicinissime tra loro, fanno parte di una linea che potremo definire “la luna dell’abbandono” sismico: una striscia su cui giacciono i cadaveri di un terremoto violentissimo, quello del 1976, che distrusse tanti borghi montani, oltre alla vita di quasi un migliaio di italiani.

Tante rovine furono ricostruite.
Clamoroso è il caso di Venzone, che fu così ben riprodotto, usando in alcuni casi le pietre originali, da essere oggi considerato il borgo italiano più bello.
Altrettanto interessante è il percorso di Pozzis: lentamente abbandonato, più a causa della sua posizione isolata che per i danni sismici, è stato riqualificato da pochi anni grazie ad un astuto piano di incentivi regionali.
Altri paesi invece furono ricostruiti vicino al pre-esistente borgo crollato, in posizioni più sicure, quasi a fare da custodi della memoria del loro “fratello maggiore”.

E infine ci sono le situazioni peggiori: quelle del totale oblio. Di questo sfortunato insieme fa parte Riulade, tanto che della “ghost town” friulana si hanno pochissime informazioni storiche.
Unico modo per onorare la sua memoria è farle visita.

Riulade si trova alle pendici dell’altopiano nella riserva della Val Alba, nel comune di Moggio Udinese.
La sua strada sterrata parte da Pradis di sotto ed è percorribile anche da un’automobile non troppo bassa, .
Cosa si incontra al capolinea del largo sentiero? Una dozzina di ruderi e una piccola chiesa-santuario.
Alcune case, scampate al terremoto, sono state dichiarate comunque inagibili e tenute come appoggio estivo o come rimessa per la coltivazione dei campi.
Per attraversare il paese è necessario spesso camminare letteralmente sopra le macerie, passando accanto a muri precari e pesantemente crepati. E’ consigliato dunque costeggiare il paese senza addentrarvici.
Pace e silenzio regnano sovrani. E in primavera i campi fioriti attirano centinaia di bellissime farfalle.

Se vuoi  esplorare altri luoghi abbandonati del Friuli, fai click qui.
Se invece ti hanno appassionato i “borghi fantasma” e vuoi vederne altri, ecco qui come raggiungerli.

Rating: 5.0/5. Dai voti3.
Attendere....
David Calloni
David Calloni
Amministratore del progetto, del sito-blog e della rete social, accanto al fondatore admin Alessandro. Laureato all'università di Genova, fotografo amatoriale, scrittore per passione e informatico per necessità.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.