“Il ricordo è l’unico paradiso dal quale non possiamo venir cacciati”

Era il 2009 quando visitai questa magnifica villa abbandonata, prima che fosse demolita. Ora tutto questo piccolo paradiso è stato demolito senza nessun rimpianto.
Senza pietà e senza rimorsi come spesso accade nel bel Ticino. Si pensa più a far soldi che a preservare.
Siamo a Gentilino Collina d’Oro e in via al Nocc 7 c’è un grande cancello che attira la mia attenzione. Dietro agli alberi incolti e all’erba alta che invade una stradina di ghiaia sembra nascondersi qualcosa di speciale…

Villa Ambrosetti si trovava in una posizione straordinaria, appena sopra “Paradiso”, con uno scorcio di lago unico e incantevole. Essa era circondata da un enorme parco all’italiana con fontane, cipressi, colonnati, lampioncini, balaustre, statue e altri elementi decorativi che renevano questo parco un piccolo gioiello. La villa, prima che fosse abbandonata e poi demolita, era una costruzione maestosa, sul retro si trovano i garage, il portico con l’ingresso, mentre sul fronte vista lago si trovava una maestosa doppia scala con terrazzo.

Gli interni della villa erano suddivisi in spaziosi locali, quasi tutte le stanze erano munite di preziosi caminetti di marmo. Al piano rialzato si trovavano l’ingresso con il vestibolo e le toilette per gli ospiti. Poi c’erano altri vani, un grandissimo atrio con scalone, due grandi sale da ricevimento, una sala da biliardo ricoperta di boiserie pregiata, il bar, le cucine e alcuni locali adibiti al personale . Inoltre, al centro, un’ enorme sala da pranzo con una grande vetrata che da sul terrazzo. La grande finestra,tramite uno speciale meccanismo a manovella, scorrendo su di un binario, veniva calata sotto il pavimento così d’avere un’apertura scenografica sulla terrazza esterna. Obiettivo? Migliorare e ampliare la spettacolare vista lago.

Ai piani superiori si aprivano numerose camere da letto con i relativi servizi. Accanto alla villa abbandonata si trovava una grande casa colonica dove probabilmente viveva parte del personale che si occupava alla manutenzione della proprietà. Inoltre vi era una seconda grandissima villa di costruzione più moderna probabilmente adibita ad uffici e dependance per gli ospiti.

Sulla storia di questa bella villa abbandonata non si sa molto. Inizialmente fu una fattoria, poi ricca villa colonica appartenente alla famiglia Ambrosetti. Dopo la guerra gli ex inquilini attraversarono difficoltà economiche e abbandonarono la dimora nel 1970.
Nel 1980, quella che probabilmente era la mafia russa, acquistò le dimore e il loro parco, cominciando un importante restauro per riportare la dimora agli antichi fasti. I restauri non furono mai portati a termine. La gente mormora che gli ultimi proprietari furono arrestati dalla polizia internazionale.
Seguirono altri anni di abbandono e nel 2013, prima della demolizione come per dare un triste addio alla villa, un gruppo di  artisti organizza una collettiva.
Attualmente, dopo la demolizione, é in corso la costruzione di un complesso residenziale di lusso.

 

Se vuoi continuare a esplorare i posti abbandonati in Svizzera clicca qui.
Se ti è piaciuta questa villa abbandonata e demolita, e vuoi esplorare altre ville abbandonate clicca qui.
Segui la nostra pagina Facebook per restare sempre aggiornato.

Rating: 4.8/5. Dai voti5.
Attendere....
Jonathan Della Giacoma
Jonathan Della Giacoma
Classe '87 e svizzero, Jonathan è uno tra i più famosi autori nel campo "Urbex" e tra i più attivi nel progetto Ascosi Lasciti.
Attratto dalla storia, dalla bellezza estetica, dall'architettura, ha visitato edifici abbandonati in tutta europa.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.