“La festa prima della fine, l’orchestra che suona e non smette di suonare, mentre il Titanic affonda, è più che l’immagine di un’epoca: è una metafora della storia, della vita stessa, di ciascuno e di tutti.”
(Mario Andrea Rigoni)

Oggi vi porterò in un “parco dei divertimenti” abbandonato, un luogo dedicato alle feste, con ambientazioni che s’ispirano alla Parigi del 1900.
Non è il classico luogo di svago e spensieratezza, ma un luogo che nasconde storie antiche e recenti.

Questo complesso d’edifici a Pont-sur-l’Ognon, sorge su di un isola circondata dalle braccia del fiume. In questa posizione strategica infatti un tempo si ergevano quattro mulini per la macina del grano e una segheria. Nel 1822 venne fondata una fucina e costruita una residenza per il padrone, oltre alla lavorazione di metalli venivano prodotte anche pentole. Infine nel 1866 tutto divenne una piccola fabbrica di piastrelle.

Da luogo di lavoro e fatica nel 1981 venne acquistato per diventare il “paradiso delle feste”. Letteralmente. Un parco divertimenti, voluto fortemente dal suo fondatore, per “rendere felici le persone”, condividendo la sua passione per l’arte di vivere a Parigi nel 1900, in piena Belle Époque. Contrariamente a quanto si può pensare, Roger Mougin non era un ricco e dolce sognatore che voleva sperperare una fortuna, ma un abile imprenditore locale, si, un po’ visionario. Da giovane con suo fratello divenne un grande commerciante di mobili: “Meubles Mougin” oggi “Conforama“.

Roger volle trasformare il vecchio edificio in un Hotel d’élite. A questo si aggiunse una dimora di lusso, in cui lui stesso vivrà, ma anche un ristorante e un intero complesso turistico. Lo scopo? Rendere felici le persone facendo godere dell’atmosfera del luogo.
Per farlo l’imprenditore portò vecchi tram parigini, arredamento urbano tipico della capitale francese, costruì una Sala delle feste, un gazebo per le orchestre e un ristornate sul fiume ispirato a Maxim’s. Disegnò e progettò lui stesso il suo sogno, ed impiegò tutti gli artigiani della zona per la sua costruzione.

Ma a Pont-sur-l’Ognon, le persone locali erano riluttanti e invidiose, e non ci volle molto prima che a questo progetto fossero messi i bastoni fra le ruote, fino a comprometterne il termine dell’opera. Fu per il dispiacere che Roger Mougin si ammalò gravemente e rimase in ospedale per oltre un anno.
Nel frattempo nel ristorante di lusso vennero celebrati diversi matrimoni e qualche festa ma poi si arrese anch’esso. Tutto fu abbandonato. Nel 2004 venne venduto con l’idea di trasformare il luogo in un posto dedicato alla pesca; progetto che non partì mai e fece cadere nuovamente il complesso nell’oblio. Roger Mougin morì nel 2017.

Il parco divertimenti abbandonato è nuovamente in vendita e il proprietario attuale è furibondo per gli atti vandalici e i furti che hanno sfigurato le bellezze dei fasti passati. Si sconsiglia vivamente di visitare questo posto per rispettare la volontà dell’attuale proprietario.
La magia de La Ville-Lumière del 1900, finché vivrà in queste foto e nei nostri ricordi, non sparirà mai.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti, con l’esplorazione urbana, ci spingiamo in luoghi talvolta pericolosi, per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage.

Se il parco divertimenti abbandonato in stile Belle Époque ha stuzzicato la vostra curiosità, ecco una lista di parchi divertimento abbandonati. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati della Francia?

Per un aggiornamento quotidiano sulle nostre attività, basta seguirci sulla nostra pagina Facebook oppure sbirciare tutte le nostre foto migliori su Instagram.

Rating: 5.0/5. Dai voti2.
Attendere....
Jonathan Della Giacoma
Jonathan Della Giacoma
Classe '87 e svizzero, Jonathan è uno tra i più famosi autori nel campo "Urbex" e tra i più attivi nel progetto Ascosi Lasciti.
Attratto dalla storia, dalla bellezza estetica, dall'architettura, ha visitato edifici abbandonati in tutta europa.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.