Oggi visitiamo una base militare abbandonata in Sicilia. Affascinante, senza alcun dubbio, pensare che in questi alloggi e in questa chiesa abbiano vissuto e pregato migliaia di militari americani impegnati nella lotta contro il regime dell’Unione Sovietica. Fa davvero un certo effetto.

Un periodo che tutto il mondo ricorda sotto l’etichetta di “Guerra Fredda”, nel 1947 circa, e che riporta alla mente di ognuno di noi la grande contrapposizione storica tra due fondamentali ideologie politiche: la democrazia capitalista americana e il socialismo sovietico. Una tensione militare che risultò tra le più temute che la storia ricordi, intercorsa tra le due super potenze reduci dalla seconda guerra mondiale, l’Usa e l’Urss.

Una piccola cittadina fantasma marchiata “Usaf” da cima a fondo e innestata nel bel mezzo della Sicilia, a pochi passi da Ragusa, creata ad hoc per offrire ai militari statunitensi in missione la parvenza di una perfetta quotidianità a stelle e strisce: dalla sala da bowling al burger bar, il teatro, la chiesa, la scuola, la piscina e i campi da basket.

Era la base militare della Nato in Sicilia, una tra le più grandi d’Europa e considerata uno tra i punti militari più strategici in vista di un conflitto. Un viaggio dalla Sicilia all’America di solo andata, in un attimo, ma solo con la mente. Una base militare abbandonata che custodiva al suo interno oltre 100 missili Cruise a testata nucleare pronti ad essere sganciati ad un semplice schiocco di dita. E’ stata abbandonata circa 10 anni fa e da allora, di quella gloriosa opera, non resta che un villaggio incustodito e più volte defraudato.

Adiacente all’aeroporto in provincia di Ragusa, nel 2013 la gestione anche di questo spazio è passata alla Regione che lo ha riconvertito per uso civile, rimettendo così in funzione sia la pista che la nuova aerostazione.

Testo di: Giuliana Imburgia

…per vedere la galleria completa clicca qui

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti, con l’esplorazione urbana, ci spingiamo in luoghi talvolta pericolosi, per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage.

Se questa base militare abbandonata vi ha impressionato e alimentato la voglia di esplorare virtualmente insieme a noi altri luoghi abbandonati simili, ecco una ricca lista di zone militari abbandonate. Altrimenti cliccando qui si può esplorare virtualmente luoghi abbandonati in tutta Italia.

Per un aggiornamento quotidiano sulle nostre attività, basta seguirci sulla nostra pagina Facebook oppure sbirciare tutte le nostre foto migliori su Instagram.

Rating: 5.0/5. Dai voti2.
Attendere....
Liotrum on FacebookLiotrum on InstagramLiotrum on PinterestLiotrum on WordpressLiotrum on Youtube
Liotrum
Liotrum
Liotrum è un gruppo di esplorazione urbex composto da Cristiano La Mantia, Giovanni Polizzi e Claudio Licitra. In ambito locale si occupano di fotografia paesaggistica e fotografia d'architettura, ricercando particolarmente le ferrovie abbandonate. Amici da una vita, condividono il piacere di riscoprire e documentare luoghi abbandonati e dimenticati. Come ultimo punto, ma non in ordine d'importanza, il "front-man" Cristiano La Mantia si occupa di gestire il nostro progetto Instagram.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.