/* */

Erano i primi di ottobre del 2010 e il sole era già svanito lasciando calare lentamente l’oscurità. Il maniero abbandonato era lì, quasi al centro di un piccolo paese del nord est della Germania. Herrenhaus Pinnow non era il classico maniero imponente e opulento ma nonostante le sue dimensioni ridotte riusciva a trasmettere spavento e mistero.
Come quelle case stregate che si vedono nei film, lugubre ma allo stesso tempo affascinante. Tetti scuri e abbaini sbilenchi, le sue finestre a bifora e l’ingresso gotico malconcio m’invitavano ad entrare, mi avvicinai ad una finestra rotta e… dal nulla apparve una vecchietta, un po’ gobba con un foulard scuro e una sciarpa di lana marrone.

A primo impatto sembrava la strega di Hänsel e Gretel e si rivolse a me in tedesco.
Pensai: “mi ha beccato sono nella merda!”
Invece fu molto gentile, dopo aver scambiato quattro chiacchere e avergli spiegato le mie intenzioni mi indicò un accesso semplice alla vecchia dimora.

Gli interni del maniero abbandonato si rivelarono una vera delusione, vuoti, malconci e con pochi elementi decorativi. Ma un tempo fu un edifico importante, la sua progettazione fu impegnativa e unica nel suo genere in quanto è uno dei pochi in stile gotico tedesco nella regione.

Con grande sorpresa quando lasciai le stanze decadenti dell’edifico, fuori, l’anziana mi aspettava. Era ansiosa di raccontarmi la storia di Pinnow. Questa tenuta nel 1700, appartenne alla famiglia Klinggräff. Friedrich von Klinggräff fu un proprietario terriero del Maclemburgo e membro del parlamento.
Nel 1863 Friedrich si trovava costantemente a Pinnow. Fece ricostruire la casa padronale dal capomastro della diocesi di Colonia Heinrich Wiethase in un romantico stile neogotico – che all’epoca era unico e inaudito. Fu trasformata in un maniero e divenne sede di famiglia dal 1863 sotto l’architetto Carl Schäfer, secondo i piani del consigliere edile reale di Hannover Conrad Wilhelm Hase. Lo stesso Klinggräff intervenne in larga misura nella progettazione e nei lavori di costruzione, coinvolto nella progettazione non solo della casa ma anche di gran parte dei suoi interni. La casa fu completata nel 1869.
Dopo che la tenuta fu espropriata alla famiglia nel 1945, servì sia come residenza per diverse famiglie sia come amministrazione GPL, ufficio postale e centro comunitario. Dagli anni ’70, gli appartamenti furono progressivamente abbandonati fino a quando rimase solo un ultimo residente che abitò in poche stanze dell’ala nord della villa padronale, fino alla sua morte nel 2004.
Dopo anni di abbandono, nel 2012 fu acquistato da un privato che fece immediatamente partire i lavori di restauro per riportare all’antico splendore il maniero seguendo il progetto originale in quanto l’edificio é patrimonio culturale regionale.

Attualmente i lavori sono in via di completamento e sono documentati in questa pagina con molte fotografie ma anche altre informazioni sul maniero: RISTRUTTURAZIONE

Mentre c’incamminavamo verso l’uscio della piccola casetta dove abitava, l’anziana mi raccontò anche dei suoi ricordi legati al maniero. Fu ospitale e volle invitarmi in casa offrendomi una zuppa di zucca e mostrarmi delle vecchie fotografie.
Rifiutai dicendo che dovevo ancora cercare un albergo per passare la notte.
Mentre calava la notte lasciai il paese, la lugubre facciata del maniero e la luce fioca della finestra della vecchia signora che con la mano mi salutava.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti, con l’esplorazione urbana, ci spingiamo in luoghi talvolta pericolosi, per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage.

Se questo maniero abbandonato ha stuzzicato la vostra curiosità, ecco una lista di castelli e regge abbandonate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati della Germania?

Per un aggiornamento quotidiano sulle nostre attività, basta seguirci sulla nostra pagina Facebook oppure sbirciare tutte le nostre foto migliori su Instagram.

Rating: 5.0/5. Dai voti4.
Attendere....
Jonathan Della Giacoma
Jonathan Della Giacoma
Classe '87 e svizzero, Jonathan è uno tra i più famosi autori nel campo "Urbex" e tra i più attivi nel progetto Ascosi Lasciti.
Attratto dalla storia, dalla bellezza estetica, dall'architettura, ha visitato edifici abbandonati in tutta europa.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.