“I cimiteri sono pieni di persone insostituibili, che sono state tutte sostituite.” Oggi torneremo al Manicomio di Volterra visitato in passato dalla nostra autrice Elvira Macchiavelli. Questa volta visiteremo un luogo un po’ più appartato e sconosciuto poco fuori il perimetro dell’Ospedale Psichiatrico: un cimitero abbandonato.

Il Cimitero di San Finocchi, per chi non lo sapesse, era quel luogo dove venivano sepolti i malati del manicomio non reclamati dalle famiglie.

Circondato da un muro e protetto da un vecchio cancello arrugginito, questo piccolo fazzoletto di terra ha dato riposo a chi non ne ha avuto nella vita. Un viale porta alla cappella con l’ossario risalente al 1956 ma il cimitero abbandonato ha origini più antiche.

Ai lati del viale che sta scomparendo a causa delle erbacce sono disposte, all’ombra dei cipressi e nascoste della vegetazione, anonime croci di cemento senza date e nomi e qualche altra lapide che riporta i nomi dei poveri defunti.

Questo luogo, a primo impatto, cupo e freddo ha però un atmosfera che in realtà è fra il lugubre e il magico. Varcarne i suoi cancelli significa riportare alla mente tutte queste Anime Anonime Dimenticate.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti, tramite l’esplorazione urbana, ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili, per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti e partecipa al nostro gruppo.

Se questo cimitero abbandonato ha stuzzicato la vostra curiosità, ecco una ricca lista di aree sacre abbandonate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati della Toscana?

Per un aggiornamento quotidiano sulle nostre attività, basta seguirci sulla nostra pagina Facebook oppure sbirciare tutte le nostre foto migliori su Instagram.

Rating: 4.8/5. Dai voti6.
Attendere....
Jonathan Della Giacoma
Jonathan Della Giacoma
Classe '87 e svizzero, Jonathan è uno tra i più famosi autori nel campo "Urbex" e tra i più attivi nel progetto Ascosi Lasciti.
Attratto dalla storia, dalla bellezza estetica, dall'architettura, ha visitato edifici abbandonati in tutta europa.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.