Un tempo l’unione sovietica, cui apparteneva la Georgia, costruì intere città termali. Una di queste era, ed è tuttora anche se decadente, Skhaltubo.
Questo agglomerato abitativo, racchiudeva molti edifici termali, ad uso quasi esclusivo dei russi che scendevano dalla madre patria per trovare ristoro.

Lasciti bellici. Dopo la guerra per l’indipendenza georgiana, i sovietici mantennero due zone “cuscino”, strategiche per il loro controllo dei confini, creando due Stati “de facto”: l’Ossezia meridionale e l’Abkhasia. Tra questi “osservati speciali” non vi era la Georgia, per cui essa fu in gran parte lasciata “allo sbando”. Iniziò così il degrado di moltissime strutture, fra cui questa città termale, anch’essa oggi abbandonata. Alcune costruzioni, di grande interesse architettonico, sono ormai occupate dai profughi espulsi dai due Stati sopramenzionati e fedeli al governo georgiano.

Oggi giacciono quindi esanime le carcasse architettoniche più fatiscenti e al contempo eleganti che si possano ammirare nell’est Europa. Quasi tutte, per il concetto chiave dei regimi autoritari “ mens sana in corpore sano” comprendevano, oltre le solite piscine e ampi saloni da ricevimento, spazi dedicati alla cultura e alla ricreazione, come i teatri e le aree ristoro.

Antichi fasti. Ecco perché lo splendore di questa città termale, oggi abbandonata a sé, e più in generale del periodo “d’oro” della Nazione, sopravvive solo attraverso le fotografie storiche e si contrappone allo stato di decadenza documentato dalle nostre immagini. Una vera pugnalata al cuore.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti e supportaci sul nostro gruppo. Qui potrai trovare foto esclusive e materiale inedito.

Se questa città fantasma ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di altre cittadine abbandonate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati fuori dall’Italia?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

Rating: 5.0/5. Dai voti3.
Attendere....
Stefano Barattini
Stefano Barattini
Fotografo dal 1979, e grande amante di viaggi. Dal 1990 inizia la collaborazione con la rivista Mototurismo e in seguito Scooter Magazine. Attualmente ha trovato nell'esplorazione urbana il suo maggiore interesse. Ha pubblicato vari libri a riguardo, e collabora con alcuni progetti importanti, tra cui il suo gruppo "Manicomio Fotografico".

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.