Skip to main content

Una conceria abbandonata e la storia della lavorazione del pellame.

Siamo in piena epoca Napoleonica quando, tra due piccoli fiumi del nord Italia, viene costruito un mulino volto alla lavorazione del grano. Passano gli anni e la famiglia F., proprietaria del mulino, inizia a diversificare la produzione e per la prima volta a trattare il pellame.
Lavorare la pelle si dimostra molto più redditizio rispetto al trattamento della farina e negli anni la piccola fabbrica viene convertita in conceria.

Lentamente il mostro prende vita e si espande.
Durante la Seconda Guerra Mondiale, la lavorazione della pelle fu sostituita con la produzione di armi ma con la fine della stessa, questa parentesi si chiuse e si tornò a conciare la pelle. Punti vendita a magazzini furono aperti in tutta la penisola e un numero sempre maggiore di capannoni e reparti di lavorazione vennero innalzati laddove un tempo si lavorò la farina. La fabbrica diventò rinomata a livello nazionale, mentre a livello locale divenne talmente importante da arrivare a diventare il simbolo dell’intera zona. L’espansione continuò sino a raggiungere il massimo verso la fine degli anni ’60 quando i dipendenti toccarono quota 220 e ulteriori reparti vennero completati.

Forse, è in questi anni che qualcosa iniziò ad andare storto, qualcosa che non si vide ne si sentì ma che silenziosa strisciava sotto la fabbrica e nelle acque dei fiumi.
Mentre questo mostro silenzioso continuò la sua smisurata crescita, la fabbrica incontrò le prime difficoltà finanziarie. Forse fu per superare queste difficoltà e per salvare l’azienda, forse fu per garantire qualche altro anno di profitti, forse per semplice incuria, ma in quel periodo la conceria iniziò ad alimentare il mostro strisciante sempre di più.

Vennero altre crisi finanziarie che richiesero licenziamenti, cambi di passo e passaggi di proprietà, poi venne alla luce il mostro, il cui nome è cromo/mercurio. La conceria lo alimentò troppo, fino a quando il mostro non divorò la conceria la quale venne chiusa per inquinamento della terra, delle falde acquifere sotterranee e sversamento di sostanze nocive nel fiume.

Ad oggi, la bonifica della conceria abbandonata non è ancora terminata, ma qualcosa fa ben sperare che presto questo fazzoletto di terra un tempo verde torni a essere salubre e vivibile.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti e supportaci sul nostro gruppo. Qui potrai trovare foto esclusive e materiale inedito.

Se questa conceria abbandonata ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di concerie e filande. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati d’Italia?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

(Visited 47 times, 1 visits today)
Rating: 5.0/5. Dal voto1.
Attendere....

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.