Skip to main content

Questa è la storia (triste) di una non troppo nota cittadella abbandonata, a cui vorremmo dedicare alcune brevi righe per riportarne a galla un piccolo ricordo.

Negli anni ’50 del secolo scorso, nei pressi di una centrale idroelettrica appena costruita, fu edificato un piccolo centro abitato che accolse operai e ingegneri, i quali lavoravano nella neonata struttura. Erano presenti un bar/ristorante, una chiesa e una scuola. Il villaggio rimase abitato per trent’anni fino a quando l’automazione della centrale rese inutile la presenza umana e il piccolo borgo pian piano si spopolò. L’ultimo abitante fu il custode della centrale, che lasciò questo paesino negli anni ottanta. Eh si, dopo ben 30 anni di “custodia” del paese, la piccola frazione è divenuta, per così dire, “fantasma.

Si tratta di una cittadella abbandonata apparentemente anonima, ma rimane un luogo meravigliosamente circondato dalle montagne, lontano dal caos cittadino. Offriva un panorama mozzafiato a chi si affacciava dalle finestre o dai balconi della propria abitazione. Forse per alcuni dei residenti rappresentava un’oasi di pace mentre altri mal sopportavano questa vita “fuori dal mondo”, isolati e lontani dalla civiltà. Da decenni la vegetazione si sta riprendendo i suoi spazi con rovi che si stanno impossessando delle scalinate esterne di alcune case e con erbe spontanee e fiori che sono riusciti a colonizzare il cemento delle case e l’asfalto del manto stradale.
Vedere la natura riconquistare ciò che un tempo era suo e sentirsi catapultati in uno scenario che potremmo definire “post apocalittico” rende la nostra visita in questa cittadella abbandonata, un’esperienza che non esiteremmo a consigliare.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.

Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supportaci e tesserati alla nostra associazione. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Se questa cittadella abbandonata ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di borghi abbandonati. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati dell’Abruzzo?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

(Visited 731 times, 7 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti5.
Attendere....

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.