Skip to main content

“Pone le ricchezze in una tomba chi fa proprio erede un vecchio.”

Si sa, la Normandia é celebre per l’estrema variabilità e il clima molto umido.

La pioggia estiva cade fitta provocando un rumore fragoroso fra le fronde degli alberi del generoso parco.
Le nebbie striscianti velano e svelano la magnifica facciata della piccola dimora, un maniero abbandonato, che sembra un magnifico castello scozzese in miniatura. La facciata di pietra, il terrazzo ricoperto di vegetazione e le finestre sbarrate.
Una piccola torretta svetta elegante sopra i camini e sugli abbaini del tetto lucido d’ardesia scura.

Il fascino del luogo é come una calamita che ci attira a varcarne la soglia, proteggendoci da quella giornata bagnata, come se al suo interno avesse voluto accoglierci fra le sue mura e farci sentire a casa, o quasi.
Non ci sono confortevoli poltrone imbottite o caldi camini accesi, ma stanze buie depredate dai soliti malintenzionati e vandali.
Nonostante ciò, questo antico maniero riesce ancora ad avere un suo fascino. Al pian terreno una sala da pranzo in parte ancora arredata, separata da una porta a vetri che conduce in un salotto con un pianoforte.
C’é una vecchia cucina e un ufficio con dei mobili in stile impero. Pochi i ricordi di famiglia e le scartoffie, le quali possano raccontarci qualcosa degli ex padroni di casa.

Una scala di legno accanto ad una vecchia pendola sgangherata, ci porta al primo piano della dimora.
Ci sono quattro camere da letto.
La prima è adornata con dei bei tendaggi damascati verdi e mobili impero, con dettagli in bronzo. La seconda invece nasconde una bella sorpresa, davanti ad un camino sormontato da un grande specchio, con la cornice oro, un possente letto a baldacchino tutto scolpito miracolosamente sopravvissuto dalla furia dei vandali ci lascia a bocca aperta. Le altre due camere da letto sono meno interessanti e più spoglie, mentre nel sottotetto ci sono altre stanze zeppe di cianfrusaglie di scarso interesse. Affascinati da questo luogo ci chiediamo che fine avessero fatto gli eredi.

Abbandoniamo il maniero mentre, sotto la pioggia, ci rechiamo al parcheggio e alle nostre spalle lentamente esso scompare ingoiato da un banco di fitta nebbia.

Se questo maniero a forma di castello ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di ville abbandonate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati della Francia?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supportaci e tesserati alla nostra associazione. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

(Visited 856 times, 1 visits today)
Rating: 4.9/5. Dai voti16.
Attendere....