Skip to main content

Visita al palazzo nobile, per un tea con la Contessa.

La Prima risuonava nel borgo, ed esso lentamente si destava dalla corta nottata estiva. Anche noi con un assonnato sbadiglio davamo il buongiorno al mattino che appariva tra le colline lontane. Era un giorno nuovo, ricco di sconosciute bellezze ed inattese esperienze. Con calma ci vestimmo e in men che non si dica fummo pronti per esser ricevuti dalla Contessa.

Era la prima volta che la Contessa invitava qualcuno a colazione. Dopo anni e anni le persone diventano schive e taciturne, se ne stanno per i fatti loro e sempre meno godono nel cercar compagnia. Invero vi dico che al risuonar della Terza, eravamo lì, come si addice a noi esploratori di perle dimenticate.

Una volta entrati nel palazzo nobile il nostro cuore sussultò nell’ammirare cotanta beltà negli affreschi e nelle decorazioni. Si sa, il tempo passa e non sempre è tutto come allora, ma i muri, ancor pregni di colore e di storia, hanno da raccontare chissà quanti pettegolezzi di palazzo.

In compagnia della Contessa visitammo tutto il palazzo nobile, prima di sederci a conversare amabilmente su delle poltrone scarlatte. Nonostante gli anni questa dimora se la passa bene, certo un po’ di polvere e un po’ di infiltrazioni qua e là, ma nel complesso non c’è nulla da ridire. Purtroppo le campane cominciano a suonare la Sesta, ed è ora di ritirarci.
Solo un cruccio, non avevamo ancora fatto colazione per ammirare tanta dimenticata bellezza e decadenza. Ma pazienza, ritorneremo al prossimo invito della Contessa, anche perché la strada verso casa è lunga, e alle consorti avevamo promesso di esser di rientro entro la Nona, per poi allietarle con la nostra compagnia, e con il bivacco dei Vespri in questa domenica d’estate.

Perché non possiamo raccontarvi null’altro di questo palazzo nobile? Un patto con la contessa ed il solito vincolo di massima riservatezza verso luoghi estremamente fragili dalla potenziale azione dei vandali.

Foto: Alessandro Tesei
Testo: Francesco Coppari

Se questo palazzo nobile ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di palazzi abbandonati. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati d’Italia?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supportaci e tesserati alla nostra associazione. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

(Visited 3.321 times, 3 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti3.
Attendere....