Skip to main content

Luglio 2014. E’ quasi buio in quel nobile palazzo abbandonato.
Come sempre, siamo partiti di buon ora per verificare dei posti notati nei nostri giri dei giorni passati. Un po’ perché la discrezione è buona cosa quando si tenta di entrare in un luogo lasciato al degrado e poi perché comunque a luglio in queste zone la temperatura supera abbondantemente i 30°C appena il sole fa capolino sull’Adriatico.

Ormai sono passati otto anni da questa esplorazione e non mi ricordo tutti i dettagli di questo magnifico nobile palazzo. Avevo anche recensito questa meravigliosa perla d’abbandono, ma purtroppo tutto è andato perduto. Quindi mi son detto: rifacciamolo da zero, come un ricordo del tempo che fu, quando da poco più di anno muovevo i passi in questo mondo dalla bellezza decadente e polverosa.

Ricordo che il nobile palazzo era diviso in quattro parti: la casa del fattore, la casa del custode, la parte nobile e la cappella di famiglia. Mi soffermo sulla parte nobile, anche perché è stata quella abitata fino al suo completo abbandono nei primi anni 2000.

Dalle foto potete  notare come era bello e ricco questo luogo, ora gran parte dei suppellettili mancano a causa di sciacalli di vario genere. Dopotutto non me la posso prendere con nessuno, é nella natura di un posto abbandonato questo destino. Alla fine qualcuno lo trova e non sempre prende solo le foto e lascia solo impronte.
Purtroppo non ho foto recenti in quanto non sono più entrato in questo palazzo dalla bellezza decadente.

Comunque sia, questo palazzo era, è e resterà un luogo molto strano. Per certi aspetti il luogo più iconico che abbia mai visitato. Vario di stili architettonici, mobilio, funzionalità delle stesse stanze e dalla storia semi sconosciuta. Se ben ricordo (anche grazie alle foto) avevamo: sedie e tavolini con incisioni in arabo, uno studiolo con vari oggetti e foto antiche, una stanza con una croce, e armadi con all’interno alcune divise da ufficiale del Regio Esercito.

Poi una stanza con una scrivania da amanuense e, adiacente, cornici infilate in un asse di legno, una stanza adibita a relax, camere da letto di tutti i tipi in tutti i piani. Ultimo, ma non meno importante, lo pseudo-garage con trofei venatori, carrozza e auto d’epoca.

Che dire, era un luogo magnifico.
E sempre lo resterà, immortalato dalle nostre fotografie.

Se questo nobile palazzo ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di palazzi abbandonati. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati delle Marche?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supportaci e tesserati alla nostra associazione. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

(Visited 788 times, 1 visits today)
Rating: 4.1/5. Dai voti9.
Attendere....