Skip to main content

Un passato glorioso e un presente tormentato. Ai non più giovani della zona, al solo nominare la Casina Rossa, vengono gli occhi lucidi. Negli anni Settanta e Ottanta era una tappa fissa soprattutto per i ragazzi, che affollavano questo locale anche la domenica pomeriggio. Era un appuntamento imperdibile per gli adolescenti dell’epoca, non potevi mancare: “Se non vieni sei out”, si diceva. E così, tra quelli che arrivavano in sella al mitico Ciao e quelli che si facevano accompagnare dai genitori, c’erano anche quelli che ci andavano di nascosto, perché  mamma e papà non volevano. Le ragazzine più giovani, per non farsi beccare, uscivano di casa vestite molto casual, un paio di jeans o una tuta, e l’immancabile zainetto, con dentro il vestito carino e le scarpe giuste, per poi cambiarsi talvolta a casa dell’amica, talvolta nei posti più improbabili.

La struttura della rinomata Casina Rossa comprendeva anche un ristorante, una palestra e un parco acquatico che completavano la discoteca facendone di fatto un centro polivalente del divertimento in zona. Negli anni a seguire la Casina Rossa, anche sotto diversi altri nomi, ha cercato di reinventarsi più volte. Nei primi anni Duemila era un locale esclusivamente dedicato al pubblico LGBT, nel 2011 una nuova gestione ha cercato di riportare nel locale clientela di qualsivoglia orientamento sessuale, lasciando alla comunità LGBT l’esclusiva del sabato sera. Nel 2017 ritorna alle cronache per via di un rave party cui hanno partecipato circa 300 giovani, che hanno devastato i locali. Recentemente il parco acquatico è stato riaperto, mentre della ex discoteca non si hanno notizie…

Se la storia della Casina Rossa ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di discoteche abbandonate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati della Toscana?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supportaci e tesserati alla nostra associazione. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio ed il neo-nato profilo tiktok.

(Visited 300 times, 7 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti2.
Attendere....