Skip to main content

Nei pressi di una strada provinciale, un tempo molto frequentata, giacciono silenziosi e soli, i resti di un hotel pesantemente danneggiato da un violento terremoto. Parte della struttura è crollata e la parte rimasta in piedi è gravemente lesionata. Invece, ironia della sorte, la zona che un tempo ospitava un centro congressi da 250 posti a sedere, è stata trasformata in residenza per anziani.
Addentrandomi incontro macerie, scheletri di scale, uffici devastati, camere svuotate ed il bar con bottiglie di alcolici sugli scaffali.
L’Albergo aveva un centinaio di camere, dotate di ogni comfort: tv satellitare, frigobar, casseforti, aria condizionata/riscaldamento centralizzato e regolabile, radio, tv ed un telefono; vi erano anche una dozzina di suite, le quali erano dotate di vasca idromassaggio. All’ultimo piano dell’edificio c’era un lussuoso ristorante dove si poteva assaporare la cucina tipica abruzzese e godere di un panorama mozzafiato.

Secondo le indagini dei Carabinieri della Forestale, ci sono state irregolarità nella realizzazione dell’edificio avvenuta a inizio anni settanta. Per il crollo della struttura ci furono anche degli indagati, ma alla fine dell’inchiesta nessuno venne condannato.
Nel 2020 venne definito dall’ufficio speciale per la ricostruzione l’importo definitivo concedibile per il recupero dello stabile che ammontava a più di sette milioni di euro. Ma tutto si fermò lì perché la pratica finì nel vicolo cieco in cui si trovano molte altre documentazioni di ricostruzione privata e dal quale non si sa quando si uscirà.
Nel frattempo, però, come succede in molte vie e piazze della città, lontani dagli occhi di residenti e turisti, anche questo luogo è diventato una discarica abusiva di rifiuti di vario tipo: abiti, poltrone, residui di cantieri, metalli ecc.
Non proprio uno spettacolo confortante.

Se questo hotel danneggiato dal terremoto ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di alberghi abbandonati . Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati dell’Abruzzo?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
I luoghi che noi di Ascosi Lasciti esploriamo e documentiamo, seppure omettendone volutamente alcune informazioni a fini di tutela, spesso risultano pericolosi o inagibili: raccomandiamo di NON VISITARLI autonomamente, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supporta l’associazione omonima tesserandoti. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio ed il neo-nato profilo tiktok.

(Visited 685 times, 2 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti4.
Attendere....