Skip to main content

La sala controllo soprannominata “Ampere”, prima di essere abbandonata, era originariamente ad uso di una sottostazione elettrica della città di Berlino.
In uso fino al 1993, è stata successivamente risparmiata dalla demolizione e dal vandalismo in quanto ubicata al centro di una serie di edifici mai abbandonati.

Ad oggi la sala comandi è convertita come spazio di intrattenimento sociale dei dipendenti dell’azienda Glipsa.

Le sottostazioni elettriche hanno il compito di smistare l’energia elettrica che arriva in alta tensione dalle centrali elettriche del Paese ai vari servizi cittadini, abbassandone la tensione. Per questo motivo ogni sottostazione è formata di diversi locali: locale degli interruttori, dello sfasamento, dei trasformatori e ovviamente un sala di controllo. Da questa postazione tramite interruttori, indicatori e pannelli sinottici era possibile gestire la distribuzione di energia elettrica.

Questa sala di controllo, prima di venire abbandonata, apparteneva alla sottostazione Humboldt, che insieme a quelle di Kottbusser Ufer e Wilhelmsruh, formavano un gruppo di edifici progettati a metà degli anni venti dagli architetti Hans Heinrich Müller e Felix Thümen per conto della BEWAG.
La sottostazione Humboldt ha servito il nord di Berlino come stazione di trasformazione elettrica fino 1993. Da allora gli edifici sono stati designati come monumento protetto e la sala comandi, grazie al fatto che era posizionata in un edificio separato, al centro del complesso nel suo cortile interno, è potuta giungere integra fino a oggi.

Dal 2015, l’azienda di marketing digitale Glispa insieme alle aziende Movinga, Quandoo e Hometogo, hanno spostato la loro sede nel complesso dell’ex sottostazione, ora denominato “Ampere”.
La bellissima sala di controllo perfettamente conservata con ancora tutta la strumentazione analogica e il bel lucernario sul tetto, è stata convertita come spazio di intrattenimento sociale per i dipendenti dell’azienda Glipsa.

Se questa sala controllo abbandonata ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di siti industriali abbandonati. Altrimenti perché non esplorare virtualmente altri luoghi abbandonati della Germania?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
I luoghi che noi di Ascosi Lasciti esploriamo e documentiamo, seppure omettendone volutamente alcune informazioni a fini di tutela, spesso risultano pericolosi o inagibili: raccomandiamo di NON VISITARLI autonomamente, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supporta l’associazione omonima tesserandoti. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio ed il neo-nato profilo tiktok.

(Visited 388 times, 1 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti4.
Attendere....