Skip to main content

Tra le pittoresche colline toscane, si nasconde l’abbandono di una piccola casa: uno di quei ritrovamenti occasionali che trasformano le avventure da ordinarie ad affascinanti. Non sappiamo nulla sulla famiglia, l’unica cosa è che probabilmente produceva vino, essendo questo luogo nel cuore delle terre del Chianti.
Varcata la soglia, ci siamo ritrovati spediti direttamente nel passato. Nella camera da letto di quella vecchia casa, ho sperimentato un misto di emozioni intense. Le pareti blu screpolate e il soffitto crollato sembravano custodire segreti nascosti nel tempo. Il letto disfatto, le lenzuola consunte e gli abiti abbandonati erano testimoni di vite trascorse. L’atmosfera era satura di un senso di nostalgia, un’immersione nella memoria di chi un tempo aveva chiamato quella stanza casa.

Un’esperienza che mi ha fatto riflettere sulla fugacità della vita e sulla bellezza intrinseca del passato, anche quando si manifesta nell’abbandono.

In un’altra stanza, fa capolino: una vecchia cassettiera, un paio di scarpe polverose, un divano verde macchiato di sporco, un cappotto logoro, un piccione curioso, e una cornice tonda vuota. Ogni oggetto teneva viva la memoria di chi li aveva lasciati, nella quiete di quel vecchio casolare abbandonato, ho provato una miscela unica di emozioni, il silenzio, rotto solo dal fruscio del vento ha reso tutto più intenso. L’aria era densa di storia, un ricordo silente di vite vissute. Ogni oggetto dimenticato era come un capitolo di un libro mai letto, suscitando curiosità e nostalgia.

L’atmosfera decadente, i colori sbiaditi, e le tracce del tempo, mi hanno fatto sentire come un viaggiatore nel passato, un’esplorazione che ha acceso la mia immaginazione e reso tangibile la connessione tra il presente e il mondo che un tempo animava quei muri.
In un’altra stanza, un tavolo logoro dal tempo, una sedia impolverata, il tutto illuminato dalla luce del tramonto che filtrava delicatamente, regalava un’atmosfera magica, un’armonia tra il passato e il presente che poche altre volte nella vita ho potuto apprezzare.
Scendendo nella cantina, abbiamo trovato una vecchia bicicletta arrugginita, pareti blu ricoperte di sabbia, e grandi damigiane rotonde per il vino.

Nella luce calda del sole toscano, i bottiglioni celesti risplendevano come gioielli preziosi. La loro bellezza traspariva nell’azzurro intenso, come frammenti di cielo intrappolati. Il contrasto con il paesaggio circostante faceva sì che queste sfere svettassero come opere d’arte, portatrici di storie e tradizioni. Era un’armonia tra la semplicità e la maestosità, una celebrazione della bellezza che solo la Toscana può offrire.

L’abbandono di questa casa tra le colline ed il suo tempo che sembra essersi fermato, sono palesate dal contrasto tra la decadenza e la bellezza dei colori.

Se l’abbandono di questa casa ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di ville abbandonate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati della Toscana?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supportaci e tesserati alla nostra associazione. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio ed il neo-nato profilo tiktok.

(Visited 749 times, 1 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti2.
Attendere....