Skip to main content

In una giornata di relax tra boschi e sentieri, con zaino e cane a seguito, decido di esplorare un po’ di ruderi montani, senza troppe pretese, solo per il gusto di assaporare quell’odore di stantio e decadenza.
Mi fermo a parlare con un paio di anziani che incrocio per strada, incuriositi dalla macchina fotografica, scambiamo qualche parola e mi indicano qualche posto interessante.
Uno di questi ruderi montani, appena giunto alla soglia, dà subito l’idea di essere particolare, non una semplice casa di montagna, ma un luogo che potrebbe nascondere qualcosa di più di una classica abitazione contadina.

Varcata la porta, le attese sono più che soddisfatte. La sala che mi compare davanti è decisamente decadente, un crollo ha distrutto quasi interamente la stanza, lasciando qualche dettaglio a dir poco stupendo, tra cui un orologio a pendolo, una nicchia con una statua di un frate e un ritratto di un soldato che resta appeso al muro per inerzia, quasi a rendere onore a chi abitava la casa.
Tra le macerie compare una cornice contenente un’onorificenza francese legata ad una confederazione di “Anciens Combattants”, della quale il proprietario faceva evidentemente parte.

Il piano superiore è decisamente pericolante, con pavimenti in legno marci e umidi. Riesco a farmi strada e ad entrare in una stanza che nasconde una particolarità che mi ha lasciato di stucco. Uno stemma dipinto sul muro, la raffigurazione di un’aquila nera con le ali semi spiegate, quasi ad intimare all’esploratore di essere solo un ospite e niente di più.
Un calendario indica 1999, ma la casa pare abbandonata da molti più anni.
Purtroppo della strana storia di questo soldato francese, finito ad abitare in questo luogo sperduto, non sappiamo niente, forse per la bellezza di questi luoghi, forse per amore, chissà.

Collaboratore Toscana: Fabio Di Vita / Omnia

Se i ruderi montani stuzzicano la tua curiosità, ecco una lista di cascine abbandonate. Altrimenti perché non esplorare virtualmente altri luoghi abbandonati della Toscana?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
I luoghi che noi di Ascosi Lasciti esploriamo e documentiamo, seppure omettendone volutamente alcune informazioni a fini di tutela, spesso risultano pericolosi o inagibili: raccomandiamo di NON VISITARLI autonomamente, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supporta l’associazione omonima tesserandoti. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio ed il neo-nato profilo tiktok.

(Visited 269 times, 4 visits today)
Rating: 4.6/5. Dai voti5.
Attendere....