Skip to main content

Le bellezze naturalistiche dell’isola di Cefalonia nascondono alcuni misteri, uno di questi è il raro fenomeno geologico dei Katavothres, ovvero l’acqua del mare che in alcuni punti della costa si insinua nella roccia per poi sparire nel sottosuolo.
Il fenomeno fu notato in tempi remoti dagli abitanti dell’isola, ma i primi a studiarlo furono gli inglesi agli inizi dell’Otticento, i quali, successivamente, decisero di costruire dei mulini per sfruttare l’energia prodotta. I terremoti del 1867 e del 1953 danneggiarono gli antichi mulini, ma non alterarono in alcun modo il fenomeno geologico che divenne oggetto di studi sempre più approfonditi.

Nel 1963 dei geologi austriaci versarono una sostanza per colorare l’acqua prima che fosse inghiottita dai Katavothres, la videro riapparire dopo due settimane nei pressi di un villaggio dalla parte opposta dell’isola. Si scoprì così il percorso sotterraneo dell’acqua che prima di tornare in mare si mischia con l’acqua dolce del lago Melissani.
Oggi appena fuori Argostoli, capoluogo dell’isola, è ancora presente uno degli antichi mulini, ormai ovviamente in disuso. L’acqua cristallina del mar Ionio viene incanalata verso la ruota alle spalle della quale la terra è asciutta e popolata dalla vegetazione. Per i clienti del vicino ristorante e i turisti diretti alle vicine baie il mulino del Katavothres resta un’insolita attrattiva.

Se gli antichi mulini del Katavothres stuzzicano la tua curiosità, ecco una lista di mulini abbandonati. Altrimenti perché non esplorare virtualmente altri luoghi abbandonati della Grecia?
L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
I luoghi che noi di Ascosi Lasciti esploriamo e documentiamo, seppure omettendone volutamente alcune informazioni a fini di tutela, spesso risultano pericolosi o inagibili: raccomandiamo di NON VISITARLI autonomamente, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti al nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supporta l’associazione omonima tesserandoti. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.
Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio ed il neo-nato profilo tiktok.

(Visited 59 times, 1 visits today)
Rating: 5.0/5. Dai voti3.
Attendere....