Skip to main content

Il Cimitero di Poggioreale non è un comune cimitero e non offre ai curiosi esploratori solo tombe ed epitaffi. É un luogo storico-culturale la cui sacralità permea ogni angolo, anche il più remoto, e chi come me decide di visitarlo, deve farlo con l’intenzione di onorarlo e mai di violarlo.

Le prime tombe di questo cimitero, alcune delle vere e proprie opere d’arte architettoniche, risalgono a prima del 1837, anno della sua apertura.

Da circa due secoli è dimora di un’incalcolabile numero di anime, alcune così datate da non possedere nemmeno una foto o la data di nascita e morte. Altre giacciono in qualche cappelletta abbandonata, o le si ritrova a mucchietti di ossa sparse qua e là. Ma non c’è spazio per pensieri macabri. Osservo. Inquadro. Scatto. Proseguo.

E tra statue di angeli neri e Madonne piangenti, bare scoperchiate e cunicoli divorati dal tempo e dalla vegetazione, mi capita pure di imbattermi nei corpi mummificati di quelli che poi scopro essere  un medico ed un barone.

Nel degrado delle dimore in cui serenamente riposano e nel marciume che le avvolge, l’esorbitante quantità di Rosari, immaginette sacre e fiori sparsi per il pavimento, testimonia le attenzioni ancora vive di qualcuno.

Sono sulla parte alta del cimitero.

Dopo un doveroso segno della croce mi preparo ad immergermi in un vero e proprio fiume di tombe di altre eccelse personalità: un tripudio di mezzibusti, poesie, dediche, pensieri, speranze, tutto inciso su secolari marmi, tutti più o meno leggibili.

E mi rendo conto che il viaggio sta per volgere al termine quando mi imbatto in una ripida scalinata che una volta discesa, mi riporterà coi piedi per terra.

Non un cimitero quello di Poggioreale, ma un vero e proprio museo a cielo aperto.

Se questo cimitero abbandonato ha stuzzicato la tua curiosità, ecco una lista di cimiteri abbandonati. Altrimenti perché non esplorare virtualmente i luoghi abbandonati della Campania?

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo e la cima, toccare… per vedere se la porta si apre.
Noi di Ascosi Lasciti ci spingiamo in luoghi pericolosi o inagibili per poterli raccontare. Come sempre, raccomandiamo di NON VISITARLI, ma di seguirci solo attraverso i nostri reportage. Per poter prendere parte attiva senza rischi a questa missione, iscriviti nostro gruppo, oppure, se l’impegno che vuoi prestare è maggiore, supportaci e tesserati alla nostra associazione. Potrai beneficiare di contenuti esclusivi e materiale inedito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre ultime esplorazioni, basta iscriverti al nostro nuovo canale Youtube oppure seguirci sulla nostra pagina Facebook, tra le più grandi community urbex in Italia, e sul nostro profilo Instagram, tra i più seguiti in tutto il mondo sul tema dell’abbandono edilizio.

(Visited 140.739 times, 3 visits today)
Rating: 4.2/5. Dai voti33.
Attendere....

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.